Sustainability Manager: tra Innovazione e Sostenibilità

  • Di Alessandro Santilli
    • 21 Set 2023
    • read
  • Twitter
  • Linkedin
sustainability manager

SostenibilitàEconomia Circolare, Finanza sostenibile ed Innovazione rappresentano elementi centrali per il business, nella manifattura come nei servizi, nelle grandi imprese come nelle startup. Creare valore da una gestione puramente sostenibile non è però un processo semplice né tantomeno veloce. Per questo è importante avere, all’interno del proprio team aziendale, professionisti in grado di sviluppare e mettere in pratica iniziative che siano sostenibili e che portino al risultato desiderato.

Le logiche di management aziendale, infatti, stanno rapidamente cambiando: la sostenibilità diviene, di fatto, realmente e “obbligatoriamente” parte della strategia di impresa.

La figura che si occupa di guidare l’azienda verso tale cambiamento è il Sustainability Manager.

Si tratta di una figura professionale poliedrica, trasversale e con molte competenze specifiche, chiamata a interagire con processi e relazioni complessi.

Di cosa si occupa il Sustainability Manager?

Il Sustainability Manager deve essere in grado di conciliare la gestione aziendale ordinaria con le attività innovative che l’evoluzione del contesto richiede, accompagnando l’organizzazione verso il cambiamento.

Per questo il “manager della sostenibilità”, a seconda delle dimensioni dell’organizzazione e della sua posizione, può essere responsabile di garantire la conformità alle normative ambientali, occuparsi di ricercare politiche e iniziative sostenibili, individuare e gestire incentivi a supporto di tali iniziative, stabilire obiettivi di performance di sostenibilità che siano al contempo strategici e ambiziosi, ideare programmi di sensibilizzazione alla sostenibilità.

Nelle realtà più grandi e strutturate si può arrivare a creare un team dedicato in grado di gestire e implementare le iniziative sostenibili, misurando e comunicandone l’efficacia sia all’interno dell’azienda che all’esterno.

Analizzare la sostenibilità

Il ruolo della sostenibilità viene analizzato secondo tre criteri, utili a garantire risultati efficaci e di valore, in particolare:

CRITERI (E) ENVIRONMENTAL

Esaminano il contributo dell’azienda alle sfide ambientali, dalle questioni di rifiuti alla deforestazione, passando per le emissioni, e valutano le sue prestazioni in questo campo.

CRITERI (S) SOCIAL

Questi criteri si riferiscono alle attività aziendali che hanno un impatto sulla collettività. I parametri mirano a rilevare, ad esempio, il rispetto dei diritti umani, civili e lavorativi da parte di un’impresa, il mantenimento di condizioni di lavoro adeguate, l’osservanza delle leggi sul lavoro minorile e il più ampio ambito dell’uguaglianza e dell’inclusione.​

CRITERI (G) GOVERNANCE

Riguardano il governo delle tematiche di sostenibilità da parte dell’azienda. Il tema è particolarmente importante poiché un approccio di gestione responsabile ed etico restituisce agli osservatori esterni indicazioni sull’identità aziendale e sui valori che guidano la conduzione del business (es. remunerazione dei dirigenti, strategia e pratiche fiscali, corruzione e abuso d’ufficio, diversità e struttura del consiglio).

Per le aziende, ciò si traduce nella necessità di identificare azioni virtuose da realizzare in termini disviluppo sostenibile, sia per lacreazione di valore aziendale che per l’ottenimento di agevolazioni.

La transizione verso un modello di sviluppo responsabile e sostenibile sta impegnando piccoli e grandi business, che necessitano di professionisti competenti in materia e riteniamo pertanto che il Sustainability Manager diventerà sempre più una figura chiave nelle aziende.

Il Sustainability Manager e le figure professionali del prossimo futuro

A tal proposito si segnala anche che le figure operanti nell’ambito della sostenibilità sono state definite con la prassi di riferimento UNI/PdR 109 che ha delineato le cinque figure professionali della sostenibilità e i relativi requisiti di conoscenza, abilità, responsabilità e autonomia.

In particolare, sono stati definiti i seguenti profili professionali:

  • Sustainability managerSustainability Practitioner, ossia del professionista che svolge attività di gestione a livello manageriale della sostenibilità in azienda e della responsabilità sociale d’impresa e del professionista che sviluppa e gestisce a livello operativo la sostenibilità.
  • Sustainability & CSR Auditor, SDG Action Manager, SDG User, ossia del professionista che svolge attività di audit nell’ambito della sostenibilità e della responsabilità sociale d’impresa, gestione degli obiettivi SDGs in strutture organizzative, aspetti di gestione e attività quotidiane dei cittadini correlate agli SDGs non correlate a specifiche attività professionali.

Author

Alessandro Santilli
Alessandro Santilli

Tax & Sustainability Team Leader

I nostri articoli

Vedi altro arrow_forward
Cosmoceutica
Cosmoceutica: nuove tecnologie per rivoluzionare l’industria d...

Con il termina cosmoceutica si intende una categoria ibrida di prodotti, a metà strada tra i cosm...

Fondo Rotativo Turismo
Nuova apertura del Fondo Rotativo Turismo per sostenere le imp...

In data 7 maggio 2024 il Ministero del Turismo ha pubblicato un nuovo avviso (prot. n. 13142/24) ...

CER
Comunità Energetiche Rinnovabili: una strada concreta verso gl...

Grazie alla progressiva nascita in Italia delle Comunità Energetiche Rinnovabili (CER), finalment...

Piano Transizione 5.0
Transizione 5.0: una nuova era per l’Italia tra Innovazione e ...

In attesa dei passaggi normativi che definiranno i meccanismi attuativi del provvedimento, analiz...