Startup e finanza agevolata: cosa c’è da sapere?

  • Di Alessio Romeo
    • 18-11-2022
    • read
  • Twitter
  • Linkedin
Startup e finanza agevolata: cosa c'è da sapere_Leyton Italia

Informazioni fondamentali per l’imprenditore che si si affaccia al mondo degli strumenti finanziari

Il tema riguardante le startup sta diventando sempre più centrale per il tessuto economico del paese.

In Italia, ad oggi, questo tessuto è rappresentato da più di quattordicimila imprese innovative, per cuioccorrono i giusti supporti e gli strumenti adeguati al fine di rispondere a 360° alle esigenze e ai bisogni di queste realtà in continua evoluzione, in quanto, applicando metodi non tradizionali, si cerca di trovare nuove vie di risposta a problemi riscontrati sul mercato.

Su cosa dovrebbe focalizzarsi un imprenditore per il raggiungimento degli obiettivi che si pone?

Abbiamo accennato alla necessità di basarsi su strumenti adeguati.

Tra gli strumenti, possiamo elencare quelli messi a disposizione dagli enti pubblici (in fondi diretti e fondi indiretti), con l’obiettivo di aumentare la competitività tra le imprese, puntando sull’innovazione.

A parte i parametri oggettivi (settore di appartenenza, dimensione aziendale, ubicazione geografica), dobbiamo considerare le caratteristiche societarie, che in tema di finanza agevolata, possono andare ad impattare su una maggiore credibilità dell’impresa.

Casi specifici possono riguardare la compagine societaria: si privilegiano casi relativi a startup con all’interno Under 35, Donne o Donne Under 35.

Ulteriori aspetti possono riguardare l’avere una sede operativa al sud, dove generalmente sono previsti trattamenti di maggior supporto (ad esempio percentuali maggiori su opportunità a fondo perduto).

Startup e finanza agevolata: cosa c'è da sapere_Leyton Italia

Può impattare positivamente anche il discorso sull’aumento del capitale, che permette all’impresa di contare su nuove risorse finanziarie utili all’attuazione del piano di attività.

Questi accorgimenti danno un boost ulteriore nella considerazione e valutazione di certi parametri su cui si basa la finanza agevolata.

Faccio una digressione relativa al tempo che, ci spinge ad ottimizzare o, addirittura, tagliare il superfluo. Per un buon 80% degli startupper incontrati, lo strumento proveniente dagli enti pubblici non ottimizza, piuttosto allunga determinati step, facendo aumentare le difficoltà e diminuire il tempo a disposizione, non avendo ben chiaro come strutturare al meglio il proprio “organigramma”.

Risultato: nonostante certi aiuti siano previsti per legge, molti imprenditori preferiscono non addentrarsi in un mondo visto come oscuro e disallineato alle proprie necessità.

Hai mai letto un bando? Ti è risultato tutto chiaro sin dalla prima lettura?

Certamente con l’esperienza, alcune problematiche andranno ad affievolirsi, ma resta un problema “d’ingresso”: un imprenditore concentrato sullo sviluppo della propria idea, voglioso di sfruttare strumenti di aiuto, si troverà a risalire un fiume in piena, senza informazioni introduttive. Spesso, infatti dovrà rapportarsi con aziende/professionisti di settore per cercare un appiglio… insomma attività che richiedono TEMPO.

Da questa variabile, dettata anche da uno stile sempre più “Fast, Fast”, siamo voluti partire con l’intento di creare un valore tangibile per chi vuole fare impresa.

Startup e finanza agevolata: cosa c'è da sapere_Leyton Italia

E’ importante fare una valutazione approfondita, andando a considerare la fase della startup, gli obiettivi sul medio lungo termine, riuscendo così a tracciare un primo iter di sviluppo. Unendo, inoltre, gli aspetti relativi alla compagine societaria si può avere una maggiore considerazione nelle valutazioni finali.

Avvantaggiati da esperienze dirette, non andiamo ad informare l’imprenditore su quale sarà il beneficio che può ottenere, piuttosto, il nostro approccio, si differenzia proprio qui: in base a “dove vuoi andare / dove vuoi investire” siamo in grado di ampliare la visione, informandoti su quali saranno le opportunità più in target, e come sarebbe meglio veicolare certi investimenti per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Tramite la piattaforma proprietaria Startup Orbiter è possibile scandagliare le opportunità in target.

Scardinando certe visioni e avendo informazioni complete, sarà possibile considerare sempre più soluzioni impattanti e di valore.

Quante realtà, già al primo incontro, ti danno una visione fattiva delle opportunità presenti ed in target con la tua impresa?

Quanto sviluppato, è rivolto ad una miglioria del settore in se’.

Non poniamo barriere: se una startup collabora con un partner/commercialista, quest’ultimo sarà libero di usare la piattaforma per avere ulteriore certezza che le opportunità individuate siano effettivamente in target o, banalmente, che non ne siano sfuggite alcune.

Alessio Romeo
Startup Business & Partnership Developer – Leyton Italia

Author

Alessio Romeo

Startup Business & Partnership Developer

I nostri articoli

Vedi altro arrow_forward
Tecnologia 5G

5G: il futuro della tecnologia

Il 5G rappresenterà, nel prossimo futuro, la nuova generazione dell’innovazione tecnologica, in g...

Decreto Aiuti Quater

DECRETO AIUTI QUATER: cosa aspettarsi?

Il nuovo Governo ha approvato il Decreto-Legge Aiuti Quater che si pone in una linea di continuit...

Digital Health

Digital Health: la tecnologia delle startup guida il settore

La tecnologia al servizio della salute digitale  Il termine Digital Health si riferisce al s...

Come diventare un business sostenibile

Come diventare un business sostenibile, innovativo e di successo

Nella prima parte di questo articolo, abbiamo discusso di come le aziende sostenibili siano azien...