Monitoraggio Normativo e Check up Finanziario

27-10-2021

Di Centro Studi

Un costante aggiornamento sul panorama fiscale per il potenziamento del tuo business

Contesto italiano

Le Micro, Piccole e Medie imprese e le loro scelte finanziarie svolgono un ruolo cruciale nel contesto produttivo ricoprendo un ruolo fondamentale a livello di sviluppo territoriale e di miglioramento della competitività dell’intero sistema economico.

Le PMI sono da sempre un elemento portante del sistema imprenditoriale italiano poiché portatrici di cambiamento e di innovazione. Possono nascere da un’idea, da un’esigenza e, perché no, da una crisi pandemica assolutamente imprevista: le PMI si rivelano essere, in realtà, forti e prestanti, con una grande capacità di crescita e di investimento, se portate nella giusta direzione.

Gli ultimi mesi hanno dimostrato che la rete delle Piccole e Medie imprese ha sviluppato un’elevata propensione al cambiamento pur essendo stata significativamente colpita dalla pandemia.

Anche se gran parte delle aziende ha dichiarato di aver subito rallentamenti o sospensioni delle attività produttive e si è trovata in difficoltà finanziarie, le azioni per rispondere a tali difficoltà sono state implementate sin da subito portando così alla riconversione delle proprie linee di produzione, alla rimodulazione della propria offerta sul mercato, all’internazionalizzazione e al rafforzamento della componente patrimoniale, ribilanciando la propria esposizione verso terzi.

Insomma, tanti interventi favorevoli allo sviluppo economico che si vociferavano da tanti anni ma che non erano mai stati supportati nè implementati. Le PMI si trovano quindi ad operare in un contesto di profonda trasformazione e, per aver successo ed essere resilienti nel medio-lungo termine, necessitano di una pianificazione strutturata e di partner consolidati.

In quest’ottica, le autorità pubbliche, dal livello comunitario sino al livello locale o regionale (Unione Europea, Stato Membro, Regioni, CCIAA), mettono a disposizione numerosi strumenti agevolativi e contributi pubblici (agevolazioni e incentivi fiscali, contributi a fondo perduto, ecc) di cui le imprese possono usufruire per soddisfare il proprio fabbisogno finanziario derivante da nuovi investimenti necessari per sostenere la competitività aziendale nel mercato oppure per supportare l’operatività corrente e pianificare una crescita sostenibile nel medio-lungo periodo.

Sfide delle aziende

Le aziende, però, hanno sempre dovuto rispondere ad alcune necessità personali tra cui la mancanza di figure interne altamente specializzate per svolgere determinate mansioni e l’attuazione di una corretta valutazione della possibilità e “convenienza” delle diverse soluzioni legislative a disposizione.

Per tanti anni, quindi, la soluzione a questi problemi è stata rappresentata dalla figura del consulente, mero portatore di singoli servizi e benefici fiscali.

La soluzione Leyton

Leyton, che ha sempre lavorato mettendo le aziende al primo posto, ha avviato un lungo lavoro di implementazione delle proprie risorse e di formazione dei propri consulenti, anche in vista delle grandi sfide del futuro, favorendo così il consolidamento del rapporto con il cliente e una conoscenza più approfondita delle sue necessità ed esigenze.

La nostra missione non si esaurisce nella mera ricerca di un prodotto finanziario. L’impresa viene affiancata, sin dal primo momento, da uno specifico consulente che costituisce l’unico punto di riferimento per quest’ultimo, capace di valorizzare tutti i suoi progetti più innovativi. Leyton diviene così il perfetto alleato di crescita!

1. Check up finanziario

Si procede innanzitutto con il check up finanziario personalizzato dedicato all’identificazione di tutti gli strumenti di Finanza Agevolata potenzialmente fruibili da parte dell’Azienda, alla relativa fattibilità e al tasso di successo. Nella valutazione iniziale, a scelta del cliente, può essere ricompreso anche uno studio ben dettagliato dello stato aziendale e del rating di bilancio al fine di ottimizzare gli investimenti attraverso la cumulabilità di più misure, recuperando il massimo delle risorse disponibili.

2. Monitoraggio normativo continuo

Tra le novità che Leyton ha importato sul mercato, vi è sicuramente il monitoraggio normativo continuativo. Questa nuova tipologia di monitoraggio permette al cliente di rimanere aggiornato in ogni momento sull’emanazione di nuove normative di Finanza Agevolata, potenzialmente utili e fruibili da parte dell’Azienda. Il Consulente assegnato già nelle prime fasi di accordo sarà espressamente dedito a questa mansione divenendo, così, il project manager della Finanza Agevolata.

3. Consulente dedicato

Il Consulente Leyton, inoltre, non esaurisce mai la sua funzione e rimane accanto al cliente in tutte le fasi del processo, ottenendo così un livello di conoscenza assai più elevato rispetto al consulente generico presente sul mercato. La pianificazione strategica continua degli investimenti, effettuata attraverso la valutazione delle misure a più alto valore aggiunto, permette così il raggiungimento di una transizione sempre più rapida.

In conclusione

Spesso le aziende rivelano di non avere abbastanza tempo per l’individuazione di opportunità su misura per il proprio business; dedicarsi ad una progettazione aziendale concreta, senza l’ausilio di personale qualificato, può rivelarsi estremamente difficile e oneroso con conseguenze negative, anche gravi, che si riversano sul patrimonio dell’impresa.

Leyton oggi si pone l’obbiettivo di diventare il tempo che le aziende non hanno, immettendo nel mercato accordi di consulenza sempre più vantaggiosi: più lungo sarà l’accordo di monitoraggio, maggiore sarà il guadagno per l’azienda.

Centro Studi
Leyton Italia