Nuove risorse 2022 per Brevetti+, Disegni+ e Marchi+

18-07-2022

Di Centro Studi

È stato finalmente pubblicato in Gazzetta ufficiale il tanto atteso decreto del Ministero dello Sviluppo Economico che assegnerà per il 2022 complessivamente 46 milioni di euro alle nuove versioni dei bandi Brevetti+, Disegni+ e Marchi+. Le risorse sono state suddivise nelle varie opportunità, per favorire la brevettabilità e la valorizzazione di idee e progetti delle Piccole e Medie Imprese Italiane:

  • 30 milioni per Brevetti+, di cui 10 milioni di euro sono risorse del PNRR;
  • 14 milioni per Disegni+;
  • 2 milioni per Marchi+.

I bandi Brevetti+, Marchi+ e Disegni+ sono misure promosse dal Ministero dello Sviluppo Economico con l’obiettivo di valorizzare la capacità innovativa delle PMI e al fine di promuovere e tutelare la proprietà industriale nell’ambito della digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo.

L’intervento, già precedentemente annunciato, rientra nell’ambito della programmazione prevista dal ministro Giancarlo Giorgetti sulla riforma sulla proprietà industriale per il triennio 2021-2023.

In particolare, partendo dalle “Linee guida di intervento strategiche sulla proprietà industriale” sono state ormai confermate ed implementate le seguenti novità:

  • superamento della fase di sperimentazione, rendendo stabili le misure, al fine di consentire alle imprese una programmazione più ampia, oltre l’anno;
  • la dotazione finanziaria, che nelle precedenti edizioni era allocata annualmente, non era sufficiente a coprire il fabbisogno manifestato dal sistema delle PMI. Il Ministero, pertanto, si farà carico di promuovere un incremento della dotazione finanziaria all’interno del bilancio dello Stato con respiro triennale;
  • dal punto di vista procedurale, il Ministero intende operare per uniformare e semplificare le procedure di accesso ai tre incentivi, pur mantenendo le necessarie peculiarità distintive per ciascuna procedura. Tra le revisioni più significative cui il Ministero intende provvedere vi è il superamento del “click day”;
  • ampliamento della platea dei soggetti beneficiari e introduzione di meccanismi premiali.

Non sono ancora chiare le modalità di attuazione e partecipazione che saranno pubblicate al più presto insieme agli avvisi di apertura degli sportelli.

Nell’attesa di conoscere ulteriori dettagli, ripercorriamo gli elementi essenziali delle misure emanate nel 2021.

Brevetti+ edizione 2021

Il bando Brevetti+ ha lo scopo di favorire lo sviluppo di una strategia brevettuale e di accrescere la capacità competitiva delle imprese. È rivolto alle micro, piccole e medie imprese, anche appena costituite, con sede legale e operativa in Italia, che si trovino nelle seguenti condizioni:

  • siano titolari di un brevetto per invenzione industriale concesso in Italia successivamente al 01/01/2017 ovvero titolari di una licenza esclusiva trascritta all’UIBM di un brevetto per invenzione industriale concesso in Italia successivamente al 01/01/2017. In entrambi i casi i brevetti devono essere in regola con i pagamenti delle tasse di mantenimento in vita, ove dovute, al momento della presentazione della domanda;
  • siano titolari di una domanda nazionale di brevetto per invenzione industriale depositata successivamente al 01/01/2017 con un rapporto di ricerca con esito “non negativo”;
  • siano titolari di una domanda di brevetto europeo o di una domanda internazionale di brevetto depositata successivamente al 01/01/2017, con il relativo rapporto di ricerca con esito “non negativo”, che rivendichi la priorità di una precedente domanda nazionale di brevetto.

Il bando finanzia l’acquisto di servizi specialistici correlati e strettamente connessi alla valorizzazione economica del brevetto e funzionali alla sua introduzione nel processo produttivo ed organizzativo dell’impresa proponente, al fine di accrescere la capacità competitiva della stessa.

Sono ammissibili i costi dei seguenti servizi individuati da queste macro aree:

  • progettazione, ingegnerizzazione e industrializzazione;
  • organizzazione e sviluppo;
  • trasferimento tecnologico.

Le agevolazioni prevedono un contributo a fondo perduto fino a un massimo di 140.000 € che non può superare l’80% dei costi ammissibili.

Le risorse disponibili, pari a 23 milioni di euro, furono utilizzate nella loro interezza grazie all’elevato numero (432) di domande presentate tramite lo sportello telematico di Invitalia.

Pair of business people designers planners engineers architects standing in meeting conference table room with layouts designs plans to review make plans in innovation creativity consulting business in studio work room preparation choice critique feedback complexity collaboration teamwork community expertise coffee urban city planning

Marchi+ edizione 2021

Il bando supporta le imprese di micro, piccola e media dimensione nella tutela dei marchi all’estero attraverso alcune misure agevolative che mirano a sostenere la capacità innovativa e competitiva delle imprese.

Il bando Marchi+ prevede due linee di intervento:

  • Misura A – Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi dell’Unione Europea presso EUIPO (Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici;
  • Misura B – Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici.

L’impresa, che a decorrere dal 1 giugno 2018 ha depositato domande di registrazione presso EUIPO del marchio oggetto dell’agevolazione (Misura A) o domanda di registrazione presso OMPI di un marchio registrato a livello nazionale o presso UIBM o di un altro marchio dell’Unione europea registrato presso EUIPO (Misura B) e ha ottemperato  al pagamento delle relative tasse di registrazione, può richiedere l’agevolazione per le seguenti spese:

  • progettazione della rappresentazione;
  • assistenza per il deposito;
  • ricerche di anteriorità;
  • assistenza legale per azioni di tutela del marchio in risposta a opposizioni/rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione;
  • tasse per il deposito/registrazione.

L’agevolazione è concessa nella misura del 50% delle spese ammissibili sostenute per le tasse di deposito e dell’80% delle spese ammissibili sostenute per l’acquisizione dei servizi specialistici e nel rispetto degli importi massimi previsti  per ciascuna tipologia e comunque entro l’importo massimo complessivo per marchio di 6.000 €.

Lo sportello è stato chiuso per esaurimento delle risorse disponibili, pari a 3.000.000 €, a seguito dell’elevato numero di domande presentate.

Disegni+ edizione 2021

Il bando Disegni+ mira a sostenere la capacità innovativa e competitiva delle PMI attraverso il sostegno a progetti di valorizzazione di disegni/modelli.

Possono beneficiare dell’agevolazione le PMI che siano titolari del disegno/modello oggetto del progetto di valorizzazione. Il disegno/modello deve essere registrato presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM) o l’Ufficio dell’Unione europea per la Proprietà Intellettuale (EUIPO) o l’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (OMPI). In tale ultimo caso tra i Paesi designati deve esserci l’Italia.

Il disegno/modello deve essere registrato a decorrere dal 1 gennaio 2019 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di partecipazione ed essere in corso di validità.

Le agevolazioni sono finalizzate all’acquisto dei seguenti servizi specialistici esterni:

  • ricerca sull’utilizzo di materiali innovativi;
  • realizzazione di prototipi;
  • realizzazione di stampi;
  • consulenza tecnica per la catena produttiva finalizzata alla messa in produzione del prodotto/disegno;
  • consulenza tecnica per certificazioni di prodotto o di sostenibilità ambientale;
  • consulenza specializzata nell’approccio al mercato (es. business plan, piano di marketing, analisi del mercato, progettazione layout grafici e testi per materiale di comunicazione offline e online) e per la valutazione tecnico-economica del disegno/modello;
  • consulenza legale per la tutela da azioni di contraffazione (azioni legali relative a casi concreti).

Le agevolazioni sono concesse nella forma di contributo in conto capitale in misura massima pari all’80% delle spese ammissibili entro l’importo massimo di 60.000 € e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna Fase e per ciascuna tipologia di spesa.

Le domande di partecipazione sono state presentate, anche in questo caso, in grande numero causando così l’esaurimento delle risorse disponibili, pari a 12.000.000 €, dopo qualche giorno.

Centro Studi – Leyton Italia

    Vuoi saperne di più? Inviaci la tua richiesta