Case study: Start-Up Innovativa

Start-Up nata nel 2018 specializzata in Realtà Virtuale ed Aumentata per creare ambienti capaci di generare nuove esperienze sensoriali con l’obiettivo di rendere “visibili” oggetti immateriali aventi tutte le caratteristiche fisiche ed estetiche di quelle reali.

Panoramica sullo studio

La Start-Up nasce nell’Ottobre del 2018 grazie alla passione e alla volontà dei suoi soci fondatori, i quali decidono di mettere al servizio dell’azienda la loro decennale esperienza relativa al mondo dell’informatica, in particolare, relativamente agli aspetti di Realtà Virtuale ed Aumentata per creare e reingegnerizzare sofisticati ambienti capaci di generare nuove esperienze sensoriali.
L’attività di ricerca permette di definire il concetto di ‘Realtà Immateriale’.
L’obiettivo degli investimenti di ricerca e sviluppo è quello di creare soluzioni tecnologiche in grado di rendere “visibili” oggetti immateriali aventi tutte le caratteristiche fisiche ed estetiche di quelle reali, ma senza la componente tangibile.

Challenge

L’Azienda, alla luce degli investimenti fatti, delle attività di ricerca -basate su un alto rischio di insuccesso- ed alla luce della sua recente costituzione, ha richiesto il supporto di Leyton Italia per verificare la possibilità di usufruire di strumenti di finanza agevolata volti a facilitare gli investimenti per le imprese italiane.

Nel dettaglio

L’azienda ha lavorato alla definizione e realizzazione di una nuova soluzione digitale basata su nuovi ed originali algoritmi proprietari di Realtà Immateriale e di dematerializzazione degli oggetti.
Le soluzioni informatiche sviluppate dall’azienda, permettono di far comparire oggetti immateriali in contesti reali e di poter interagire con questi. Grazie a questa simulazione, la Realtà Immateriale creata dall’azienda supera la Realtà Aumentata.

Soluzione

Grazie ad un analisi preliminare, agli audit effettuati presso il cliente ed al continuo scambio di informazioni, siamo riusciti ad identificare l’ambito entro il quale iscrivere il progetto ed abbiamo individuato il CIRS come strumento idoneo alle necessità dell’azienda.

Gli obiettivi raggiunti

  • Analisi e descrizione dei punti di novità ed univocità della soluzione proposta dall’azienda, in grado di offrire alle aziende del settore tessile l’opportunità di creare esclusivamente il prototipo scelto, abbattendo nettamente i costi e i tempi di prototipazione ed aumentando la sostenibilità dell’industria tessile, tra le più inquinanti a livello globale;
  • Relativamente alle attività di dematerializzazione di oggetti fisici visualizzabili in ambienti reali (anche applicabile al settore LifeStyle) è stato definito quanto segue: la ricerca e sviluppo intrapresa per la creazione di questa ulteriore attività, ha permesso all’azienda di andare oltre i criteri standard della Realtà Virtuale e sorpassare quelli della Realtà Aumentata;
  • Analisi dettagliata delle categorie di costi sostenuti: personale, consulenze esterne;
  • Redazione del dossier finale e rendicontazione economico-finanziaria delle spese.

Beneficio fiscale ottenuto

100.000,00€

Dettaglio del beneficio

Il beneficio finale usufruito da parte dell’azienda fa riferimento all’anno 2019, e deriva dalle analisi e dalla conseguente valorizzazione dettagliata delle differenti voci di costo dei contributi apportati dal personale, e dalle competenze tecniche.

Ho avuto l’opportunità di collaborare con una giovane realtà come questa Start-Up, che vanta personale qualificato e Management esperto, capace di cogliere le possibilità per definire la futura crescita aziendale. E’ stata un’esperienza molto interessante, in quanto il settore informatico, relativo agli algoritmi di IA, AR, VR è in costante crescita e l’uso della tecnologia che sfrutta i dispositivi mobile, i wearable device, i veicoli o gli stand interattivi (per arricchire l’esperienza del consumatore), apre ad orizzonti applicativi quasi infiniti: dall’automotive al manufacturing, dal packaging all’arredamento, dall’entertainment all’infotainment, passando appunto per il settore tessile.

Correlati Case Studies